Servizi per i cittadini

Straordinaria amministrazione a favore di inabilitato e minore emancipato
DOVE

Tribunale – Volontaria Giurisdizione

INFORMAZIONI GENERALI

Nel caso degli inabilitati e dei minori emancipati, trattandosi di condizioni di incapacità relativa o parziale, si riconosce a costoro (art.415 del codice civile) una limitata capacità di agire da soli, e pertanto gli viene concessa la facoltà di compiere  unicamente quegli atti legati alla ordinaria amministrazione. Possono invece stare in giudizio e riscuotere capitali con l’assistenza di un curatore. Gli atti eccedenti l’ordinaria amministrazione possono essere compiuti previa autorizzazione del Giudice Tutelare e con il consenso del curatore. Per gli atti di disposizione (alienare beni, costituire ipoteche e pegni, ecc.) è richiesta l’autorizzazione del Tribunale e l’assistenza del curatore. La distinzione fra atti di ordinaria e atti di straordinaria amministrazione è basata sostanzialmente sul criterio della maggiore o minore importanza patrimoniale degli atti stessi. In base a tale criterio sono pertanto da considerare atti di straordinaria amministrazione tutti quelli che potrebbero comportare una riduzione di ordine economico, andando a  modificare la struttura o mettendo a rischio la consistenza del patrimonio;  sono invece da considerare atti di ordinaria amministrazione quelli che, essendo diretti alla conservazione del patrimonio, non comportano una diminuzione del suo valore economico.

A CHI RIVOLGERSI

Presso Palazzo di Giustizia - Tribunale – Volontaria Giurisdizione - Ufficio Tutele
piano_____ - stanza _____ Tel. _____ /__________
Orario: da lunedì a Venerdì ore 8,30 – 13,30 - Sabato: ore 9 – 12 

DOCUMENTAZIONE RICHIESTA

La domanda per l’autorizzazione a compiere atti di amministrazione straordinaria va presentata al Giudice Tutelare del luogo di residenza del minore emancipato o dell’inabilitato. È previsto il pagamento di € 70,00 come contributo unificato ed € 8,00 per diritti  forfettizzati di notifica

Servizi per cittadini